TEATRO CARLO GESUALDO
CASINA DEL PRINCIPE
AVELLINO / ITALY / 28AGO – 1°SET 2013

Talks

Flussi Microradio

Dal 28 al 31 agosto, dalle 17:00 alle 19:00

@Casina del Principe – @92.00 fm – @flussi.eu

 

A cura di:
Stefano Perna e Laboratorio Mediaintegrati dell’Accademia delle belle Arti di Napoli

Coordinamento Scientifico:
prof. Alfonso Amendola
Cattedra di Sociologia degli Audiovisivi Sperimentali, Università degli Studi di Salerno.

 

Flussi Microradio è uno spazio trino: on air, on line e on site. Una stazione radio polimorfa e temporanea che occuperà etere (la frequenza sarà rivelata il primo giorno del festival), web (flussi.eu) e luoghi fisici (Casina del Principe) lasciando scorrere flussi di parole, suoni, interferenze, silenzi lungo tutta la durata del festival. Al suo interno talk, presentazioni di libri, interviste con gli artisti, disturbi elettromagnetici, audio d’archivio, soundscape e altri suoni inutili.

Il pubblico è invitato alla partecipazione dotandosi delle proprie ”sonde sonore”, qualunque tipologia di apparato ricevente in FM: radioline portatili, telefoni, boombox o ghetto blaster.

Il palinsesto è aperto e in rimodulazione continua. Unici punti fermi allo stato attuale:

Ogni giorno 17:00 – 19:00:
- Conversazioni/malversazioni con gli artisti di Flussi 2013

30 agosto ore 18.00:
Presentazione e discussione del libro
Videoculture - Storia, teorie ed esperienze artistiche dell’audiovisivo sperimentale
di Alfonso Amendola, prefazione di Alberto Abruzzese (Edizioni Tunuè).

ne parlano con l’autore:
Stefano PERNA (docente di Sound design presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli)
Stamatia PORTANOVA (phd University of East London)
Vincenzo ROMANIA (docente di Sociologia della comunicazione, Università di Padova)
Mario TIRINO (dottorando di ricerca in Scienze della Comunicazione, Università di Salerno)

coordina:
Pier Giuseppe MARICONDA (Phd in Theory, Model and Advanced Application in Communications, Physics and Computer Sciences, Università di Salerno)

Un dialogo a più voci sul tema della videoarte. La video arte e le sue molte espressioni infatti hanno goduto, dagli anni sessanta a oggi, nel nostro Paese, di uno sviluppo e di un rigoglio insospettabili che la pongono in una posizione di tutto rispetto all’interno dello scenario internazionale. Il volume, dopo un excursus sulle video arti – videoinstallazioni, videodanza, videoteatro, videopoesia, videoclip ecc. – e una trattazione approfondita di come appunto la «nuova» tecnologia del video abbia determinato la nascita di nuove modalità di espressione artistica, si concentra sul panorama italiano attraverso una vasta rassegna di opere e artisti degli ultimi anni.

copyright 2015 | flussi | magnitudo